Fumo: Eurispes, “sei italiani su dieci disposti ad abbandonare le sigarette per prodotti alternativi meno dannosi”

“Sei italiani su dieci sarebbero disposti ad abbandonare le sigarette a cui sono ‘affezionati’, qualora fosse scientificamente provato che esistono prodotti alternativi meno dannosi. E oltre otto su dieci ritengono che vorrebbero essere informati della loro esistenza e delle loro caratteristiche, evidenziando quindi la necessità di avere maggiori conoscenze in merito”. È quanto si legge nel rapporto Eurispes “Fumo: nuovi prodotti e riduzione del danno”, diffuso oggi, che ha sondato le abitudini e le opinioni dei fumatori in relazione al fumo, al suo impatto sulla salute, allo sviluppo e alla diffusione dei prodotti alternativi a quelli tradizionali. L’indagine dell’Eurispes è stata realizzata attraverso un questionario somministrato a un campione di 1.135 fumatori italiani. Le persone intervistate sono nel 53,7% fumatori da più di 10 anni. Circa la metà del campione consuma più di 10 sigarette al giorno; in particolare, il 15,2% ne fuma oltre 20 al giorno, il 33% da 11 a 20. “Solo il 9% afferma di voler smettere di fumare entro sei mesi. Il 18,3% non ha alcuna intenzione di abbandonare il ‘vizio’, il 26,6% ‘dovrebbe ma non vuole’, il 28,5% ‘dovrebbe ma non crede di riuscire’, il 17,6% ‘vorrebbe ma non in tempi brevi’”. Dall’indagine emergono, comunque, “una forte volontà e la necessità di essere informati sulle possibili conseguenze del fumo e, soprattutto, sull’esistenza e sulle caratteristiche di prodotti alternativi che potrebbero determinare minori danni alla salute”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo