Abusi in Cile: concluse due indagini preliminari contro un francescano e un sacerdote della diocesi di Talca. Atti trasmessi alla Santa Sede

L’Ordine francescano del Cile, attraverso il ministro provinciale, ha reso noto l’esito dell’indagine preliminare contro il sacerdote francescano Arístides Miranda, per la denuncia di abuso sessuale su una minorenne. Dalle informazioni ricavate, si legge nel comunicato dell’Ordine, “si è stabilito che esistono elementi che permettono di accreditare la verosimiglianza dei fatti denunciati. Date queste circostanze, si è decretato di rimettere la documentazione alla Congregazione per la Dottrina della fede, a Roma, e mentre prosegue il processo canonico, fatta salva la presunzione di innocenza, fra’ Arístides Miranda è sospeso dall’esercizio del ministero sacerdotale”.
La Provincia francescana in Cile, nell’avvertire tutto il peso della situazione, annuncia che “continuerà a impegnarsi per la ricerca della verità, per l’accoglienza delle persone coinvolte e nell’agire per la vita e la dignità umana”.
Anche la diocesi di Talca, in un comunicato diffuso ieri, informa che l’inchiesta previa contro il sacerdote diocesano Luciano Arriagada Vergara si è conclusa manifestando elementi che permettono di accreditare la veridicità dei fatti denunciati. Anche in questo caso gli atti sono stati trasmessi in Vaticano e per il sacerdote è stata confermata la sospensione cautelare.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo