Germania: sempre in servizio i Domschweizern, custodi delle cattedrali tedesche

Chi si sia trovato a visitare una tra le grandi cattedrali tedesche – che si tratti di Friburgo, Aquisgrana, Bamberga, Treviri o Colonia – avrà notato la presenza discreta ma inflessibile di personale addetto al controllo ed al rispetto del luogo sacro e delle regole di comportamento, che indossano una divisa particolare: una tunica rossa e nera, di foggia antica, una via di mezzo tra una abito talare ed una mantella. Si tratta dei famosi “Domschweizern”, gli “Svizzeri della Cattedrale”, figure istituzionali importanti nella gestione dei luoghi sacri e dei monumenti religiosi in Germania. Il nome probabilmente deriva dai mercenari svizzeri, soldati famosi durante il Medio Evo ed il Rinascimento (come il corpo della Guardia Svizzera Pontificia dimostra), che andarono a servire i vari vescovi principi elettori dell’Impero Germanico, e spesso difesero a costo della vita questa o quella cattedrale. Sono conosciuti soprattutto i Domschweizern della cattedrale di Colonia, uno dei monumenti più famosi della Germania, con anche 30mila visitatori al giorno. I 30 Domschweizern che svolgono il servizio a Colonia controllano con rigore il rispetto dell’abbigliamento di chi entra nella Cattedrale, e, distribuiti all’interno e alle porte dell’edificio sacro, gestiscono i flussi ed i ritmi delle liturgie e delle visite. Accompagnano i sacerdoti ed i ministranti durante le processioni all’altare, assistono il sacrista, curano l’accensione e lo spegnimento delle candele, ma in particolar modo, in tutta la Germania, la presenza dei Domschweizern, immediatamente riconoscibili nelle loro vesti rossonere, infonde sicurezza e tranquillità ai pellegrini ed ai turisti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa