Oltraggio ai cimiteri: mons. Giudice (Nocera Inferiore-Sarno), “indice di un grave disagio sociale”

“Gli episodi di vandalismo, consumatisi nei cimiteri di Pagani, Angri e Poggiomarino, nonché in altre città del territorio, sono segnali da non sottovalutare e decifrare con molta oculatezza. Il rispetto dei morti e dei luoghi in cui riposano ha sempre segnato il cammino di ogni popolo, al dilà della fede e della cultura”. Commenta così, mons. Giuseppe Giudice, vescovo di Nocera Inferiore – Sarno, i recenti raid vandalici in alcuni cimiteri della diocesi, dove sono state danneggiate centinaia di tombe e rubati numerosi portafiori. “L’oltraggio ai cimiteri – sottolinea mons. Giudice – dice di un grave disagio sociale, dove gente sprovveduta, fosse anche un piccolo numero, non sif erma più neanche dinanzi alla morte, spinta da bassi e malsani istinti e profitti”. Il vescovo di Nocera Inferiore – Sarno invita famiglie, scuole, parrocchie e istituzioni a non abbassare la guardia. “Come vescovo – afferma in un comunicato – alzo la voce e invito tutti a non abbassare la guardia e a ristabilire un patto educativo, attento soprattutto alle nuove generazioni, per ricucire la sfilacciatura del tessuto sociale”. “Qui – aggiunge mons. Giudice – non è in gioco solo la fede, dono preziosissimo, ma il concetto stesso di persona e di umanità, che rasenta l’inciviltà. Invito non solo a pregare, ma a riflettere e operare in sintonia e comunione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa