Migranti: Conte (premier), “presto invierò una lettera a Juncker, a Tusk e alle istituzioni europee”

(Foto: www.governo.it)

“Sto mettendo a punto una lettera diretta Juncker, a Tusk e alle istituzioni europee per incalzare l’Europa sull’attuazione di quei principi innovativi sull’immigrazione emersi dal Consiglio europeo”. Una lettera che “partirà molto presto” e “appena tornerò a Roma lavorerò su questo”: “chiederò che la missione internazionale” Sophia sia “conformata alle conclusioni del vertice europeo di fine giugno”. Lo ha affermato il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Bruxelles, al temine del summit Nato, aggiungendo di aver parlato di migranti anche in un colloquio con Angela Merkel. Rispetto alla “questione complessa” dei migranti, Conte ha assicurato che rispetto al passato “oggi in italia si gestisce diversamente”. E ha spiegato che come governo “abbiamo condiviso un percorso e continueremo ad avere un tavolo interministeriale” al quale partecipano i ministri degli Interni, degli Affari esteri, della Difesa e delle Infrastrutture e trasporti. “Le posizioni che porto” ai vertici internazionali, ha sottolineato Conte, “sono conclusioni che condividiamo”. Il premier ha anche aggiunto che “il problema non è modificare il regolamento di Dublino”, che ha un “approccio asfittico” e inadeguato, riferendosi alla questione del Paese di primo approdo dei migranti. Il premier ha anche annunciato che “stiamo organizzando una conferenza in Italia sulla Libia in autunno per dar seguito a quella di Parigi”, convinto che “il processo di stabilizzazione non può riguardare solo l’Italia ma nemmeno soltanto Macron”. Relativamente alla nave Diciotti, sbarcata nel primo pomeriggio a Trapani, Conte ha confermato che “abbiamo indicazione perché vengano individuate persone, eventualmente migranti, nel caso si siano resi responsabili di atti che contrastano con le nostre leggi”. “Ogni situazione la gestiremo con la massima tranquillità e serenità, avendo cura di mettere le persone che sono in pericolo in salvo, perché noi non abbiamo mai rinunciato ad interventi umanitari per le persone che si trovano su queste navi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa