Papa Francesco: a delegazione Premio giornalistico “Biagio Agnes”, “anteporre la verità agli interessi personali o di corporazioni”

Biagio Agnes è stato “uno dei più noti giornalisti italiani, difensore del servizio pubblico, che più volte intervenne sul ruolo del giornalista come garante dell’informazione corretta, attendibile, autentica e puntuale”. Lo ha ricordato questa mattina Papa Francesco, ricevendo in udienza una delegazione del Premio di giornalismo internazionale “Biagio Agnes”. La comunicazione, ha detto il Santo Padre, “sappia anteporre la verità agli interessi personali o di corporazioni”: “Essere giornalista ha a che fare con la formazione delle persone, della loro visione del mondo e dei loro atteggiamenti davanti agli eventi. È un lavoro esigente, che in questo momento sta vivendo una stagione caratterizzata, da una parte, dalla convergenza digitale e, dall’altra, dalla trasformazione degli stessi media”. Il Papa ha parlato di “una trasformazione pressante delle forme e dei linguaggi dell’informazione” per la quale “è necessaria una vigilanza sapiente”. Quindi, Francesco si è soffermato su tre parole: periferie, verità e speranza. Le periferie, perché non bisogna mai “dimenticare le storie delle persone che vivono distanti, lontane, nelle periferie”. La verità, perché  “tutti sappiamo che un giornalista è chiamato a scrivere ciò che pensa, ciò che corrisponde alla sua consapevole e responsabile comprensione di un evento” ed “è necessario essere molto esigenti con sé stessi per non cadere nella trappola delle logiche di contrapposizione per interessi o per ideologie”. La speranza, che non significa “raccontare un mondo senza problemi” ma “aprire spazi di speranza mentre si denunciano situazioni di degrado e di disperazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori