Migranti: Anci, incontro bilaterale Italia-Usa su immigrazione e integrazione

“È fondamentale lavorare in sinergia tra i diversi Paesi per creare basi comuni nella gestione dell’immigrazione. Un fenomeno complesso come quello che in questi anni stanno affrontando i nostri Paesi vede ovunque in prima linea gli amministratori locali”. Lo ha affermato Matteo Biffoni, sindaco di Prato e delegato Anci all’immigrazione, in occasione dell’incontro bilaterale che oggi, a Roma, ha visto confrontarsi amministratori locali, italiani e americani, “sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione, a partire – si legge in una nota dell’Anci – dall’esperienza di successo del modello di accoglienza diffusa dello Sprar nei Comuni italiani”. Durante l’incontro, prosegue la nota, “il dibattito si è focalizzato sulle buone pratiche realizzate e sulle principali sfide da affrontare nelle rispettive realtà locali per un’accoglienza sostenibile e dignitosa tanto per le persone che arrivano quanto per le comunità che accolgono”. A rappresentare i sindaci italiani, portando la propria esperienza, è intervenuto oltre a Biffoni anche il vicepresidente di Anci e sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, mentre ad illustrare l’esperienza americana sono stati David Lubell, fondatore di Welcoming America, fondazione impegnata nella sensibilizzazione delle città americane per la creazione di comunità accoglienti e il sindaco di Clarkston (Georgia), Ted Terry.
Biffoni ha posto l’accento sul modello Sprar di accoglienza diffusa sui territori “che Anci sostiene e porta avanti in Italia, di sicuro interesse per i colleghi statunitensi, come per noi è importante conoscere a fondo gli strumenti di gestione già utilizzati negli Stati Uniti. Per tutti noi lo scopo è comune: mettere in atto le migliori strategie per realizzare un’accoglienza dignitosa e rispettosa dei diritti dei richiedenti asilo e al contempo che tenga conto delle realtà che accolgono per un’integrazione efficace”. “L’inclusione – ha aggiunto Pizzarotti – è diventato per noi sindaci il principale obiettivo da perseguire, e in questo ritengo fondamentale il progetto Sprar, perché rappresenta lo strumento essenziale per assicurare maggior inclusione e controllo durante la delicata fase della prima accoglienza”.
Domani, martedì 5 giugno, il sindaco Terry visiterà il centro Sprar di Latina dove incontrerà anche sindaco e assessori della città pontina.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori