This content is available in English

Eye2018: Duch (Parlamento Ue), “giovani entusiasti e motivati a definire il futuro d’Europa”

Strasburgo: Jaume Duch tra i giovani partecipanti a Eye2018 (foto Parlamento europeo)

(Bruxelles) “L’evento ha offerto un’eccellente opportunità ai giovani partecipanti di esprimere le loro opinioni su temi che riguardano il futuro dell’Europa”, confrontandosi fra l’altro con 47 deputati al Parlamento europeo, insieme al presidente Antonio Tajani e a sei vicepresidenti. “Ciò che ha colpito di più è stato l’alto livello di coinvolgimento dei giovani che hanno partecipato e l’entusiasmo e l’ottimismo espressi”. Jaume Duch è il direttore generale della comunicazione e portavoce del Parlamento europeo: per il Sir commenta Eye2018, ossia lo European Youth Event svoltosi a Strasburgo l’1 e 2 giugno, con 8.500 giovani, di età compresa tra i 16 e i 30 anni, provenienti da 40 Paesi di tutta Europa e da altri continenti. “Il programma Eye consisteva in oltre 400 attività” all’interno e tutto intorno alla sede dell’Europarlamento: “Sono stati coinvolti più di 250 oratori, la maggior parte di essi aveva meno di 30 anni. Circa 70 attività erano organizzate dal Parlamento europeo, mentre più della metà delle attività – spiega Duch – erano definite e organizzate dai giovani stessi attraverso associazioni e gruppi giovanili”.

Jaume Duch sottolinea l’importanza di avere “giovani motivati a definire il futuro dell’Europa” e il ruolo “che essi hanno per influenzarlo, votando alle prossime elezioni europee”. Il seguito dell’evento “include la presentazione delle idee più significative espresse durante le giornate di Strasburgo alle commissioni parlamentari del Parlamento europeo” il prossimo autunno.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori