Cultura: Orvieto, si è concluso il “Festival Arte e Fede”. Dodici appuntamenti con scrittori e artisti

Dal cinema al teatro, dalle testimonianze alla musica e alla letteratura. Esponenti di questi mondi hanno animato per due settimane, a Orvieto, gli eventi del Festival di Arte e Fede, dedicato al tema “Dono di sè, sorgente di bellezza”. Dodici gli appuntamenti in rassegna, che hanno visto la presenza di nomi di prestigio del mondo della cultura e dello spettacolo, ma anche di testimoni di vita e di fede. Tra loro, la cantautrice Debora Vezzani, l’attore Giacomo Poretti che ha proposto il monologo “Fare un’Anima”, padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica, assieme al vescovo di Orvieto-Todi mons. Benedetto Tuzia, il poeta Davide Rondoni e la regista Alice Rohrwacher. A fare da cornice per i diversi appuntamenti, la quadristallazione “Pietà” di Gianfranco Pigozzi, poi una mini-rassegna cinematografica nella nuova biblioteca pubblica e la musica sacra, nel duomo, dove si è svolto il concerto d’organo del maestro Nello Catarcia. A proposito del Festival, organizzato dall’associazione culturale Iubilarte, mons. Tuzia ha ricordato alcune delle tematiche trattate. “Cosa c’è di più bello di donare sè stessi, la propria vita? Dio l’ha fissato bene questo concetto nel gesto eucaristico, questo mistero del dono, della vita, del suo corpo, del suo sangue. Tematiche che hanno trovato ampio spazio all’interno di questo festival, una presenza ormai costante nella nostra città”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori