Australia: mons. O’Kelly amministratore apostolico della diocesi di Adelaide. Dopo gli scandali “garantire stabilità ai fedeli”

“Il Santo Padre mi ha nominato amministratore apostolico dell’arcidiocesi di Adelaide. Questa iniziativa è stata presa per affrontare alcune necessità presenti nell’arcidiocesi a seguito della decisione dell’arcivescovo Philip Wilson di allontanarsi dai sui doveri di vescovo”. Così ha scritto in un messaggio il vescovo di Port Pirie, mons. Gregory O’Kelly, chiamato dal Papa il 3 giugno a reggere Adelaide, dopo che mons. Wilson ha annunciato di farsi da parte in seguito alla sentenza che lo ha dichiarato colpevole di aver coperto casi di abusi sessuali. È necessario, scrive mons. O’Kelly, “garantire stabilità ai fedeli” in questo “momento impegnativo”. Mons. O’Kelly continuerà a essere vescovo della sua diocesi e come “amministratore apostolico eserciterà le responsabilità episcopali nell’arcidiocesi” dove c’è un “eccellente gruppo di responsabili ecclesiali” che continuerà a “gestire gli affari correnti”. Mons. O’Kelly ha ringraziato Papa Francesco “a nome dei fedeli dell’arcidiocesi di Adelaide per la sua preoccupazione pastorale verso di loro”: “Farò del mio meglio per compiere questo ruolo importante”. In un comunicato di ieri, anche i vescovi australiani hanno espresso “apprezzamento” per questa nomina e per “la generosità del vescovo O’Kelly”. Mons. O’Kelly è nato ad Adelaide e lì è stato sacerdote e vescovo ausiliare dal 2006 al 2009 perciò “è ben conosciuto nell’arcidiocesi e ben qualificato per il ruolo che gli è stato affidato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori