This content is available in English

Papa Francesco: messaggio Giornata poveri, “oppressi da politiche indegne di questo nome”. Più attenzione a “rifiutati ed emarginati”

“Comprendere chi sono i veri poveri verso cui siamo chiamati a rivolgere lo sguardo per ascoltare il loro grido e riconoscere le loro necessità”. È l’invito rivolto dal Papa, nel messaggio per la seconda Giornata mondiale dei poveri, diffuso oggi, in programma il 18 novembre sul tema: “Questo povero grida e il Signore lo ascolta”. “Il Signore – scrive Francesco – ascolta i poveri che gridano a lui ed è buono con quelli che cercano rifugio in lui con il cuore spezzato dalla tristezza, dalla solitudine e dall’esclusione. Ascolta quanti vengono calpestati nella loro dignità e, nonostante questo, hanno la forza di innalzare lo sguardo verso l’alto per ricevere luce e conforto. Ascolta coloro che vengono perseguitati in nome di una falsa giustizia, oppressi da politiche indegne di questo nome e intimoriti dalla violenza; eppure sanno di avere in Dio il loro Salvatore”. “Nessuno può sentirsi escluso dall’amore del Padre, specialmente in un mondo che eleva spesso la ricchezza a primo obiettivo e rende chiusi in sé stessi”, il monito del Papa, che esorta a prestare la nostra attenzione “a quanti sono poveri, rifiutati ed emarginati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo