Gesuiti America Latina: assemblea Cpal, “quattro impegni per il Venezuela”

Si è conclusa a Puerto Príncipe (Haiti) la trentacinquesima assemblea dei Provinciali gesuiti dell’America Latina (Cpal), iniziata il 1° maggio. Ampio spazio, durante l’assemblea, è stato dedicato alla situazione del Venezuela, attraverso gli interventi di padre Rafael Garrido, provinciale del Venezuela, padre Roberto Jaramillo, presidente della Cpal, e padre Rafael Moreno, delegato per la Missione della Cpal. L’assemblea si è trovata d’accordo nel proporre quattro tipi di intervento riguardo a tale situazione: promuovere, rafforzare, articolare maggiormente l’apostolato a favore dei migranti venezuelani e, in particolare, di coloro che hanno bisogno di protezione internazionale; stabilire forme di collaborazione tra le varie comunità e opere apostoliche con i gesuiti; partecipare alla costruzione di alternative per una soluzione politica in Venezuela; scrivere ai presidenti e ai ministri degli Esteri chiedendo loro impegno umanitario verso i rifugiati e impegno per una soluzione alla crisi politica del Venezuela. All’assemblea hanno preso parte l’esecutivo della Cpal, 12 padri Provinciali e 3 Superiori regionali (Amazzonia, Cuba e Haiti), oltre ai presidenti delle Conferenze provinciali dei gesuiti di Stati Uniti-Canada e Asia Pacifico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa