Sanità: Balzanelli (presidente), “118 non è un mero call center”

“Si è ritenuto, a più riprese, di smantellare, nel nome di innovazioni inesistenti, la concezione di Sistema salva vita, tempo dipendente, a disposizione, h 24, 365 giorni/anno, di 60 milioni di italiani, per cui si impegnano risorse risibili rispetto al volume complessivo della spesa sanitaria nazionale, chiudendo centri di responsabilità quali le centrali operative di questi sistemi ipercomplessi, scambiandole per meri ‘call center’, per veri e propri rispondifici telefonici”. È la denuncia lanciata oggi, in una nota, Mario Balzanelli, presidente nazionale del Sis 118, per il quale “si è completamente e volutamente dimenticata l’opportuna e strategica dimensione provinciale dei Sistemi 118, tarata sulla reale complessità di gestione capillare e più qualitativa possibile dei soccorsi a livello dei territori”.
“Il 118 nazionale” è stato “flagellato” con il risultato dello “smantellamento, in quasi tutte le regioni, degli organici medici ed infermieristici, ossia della componente sanitaria in grado di assicurare al paziente in evidente imminente pericolo di vita diagnosi e terapia potenzialmente salvavita, contratti precari pesantemente inadeguati rispetto alle complessità reali di gestione ed ai rischi sul campo, sedi di lavoro, ossia le postazioni del Set, che verrebbero chiuse nel 90% a qualsiasi ispezione delle autorità competenti, Punti di primo intervento territoriale, che si è stabilito irrazionalmente di chiudere quando invece vanno potenziati proprio perché sono le uniche vere strutture del territorio in grado di frenare, dati alla mano, il 98% di tutte le acuzie minori impedendo il sovraffollamento dei Pronto Soccorso (che implodono ed esplodono), turni massacranti, livelli di formazione disomogenei e piallati su standard molto meno avanzati di quanto si debba rispetto al reale stato dell’arte”. Di qui la richiesta al nuovo governo che verrà “di varare, con una assoluta urgenza, una riforma legislativa condivisa del Sistema 118 che vada nella direzione netta di un suo potenziamento e di una netta inversione di tendenza rispetto a quest’oggi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori