Parlamento Ue: in emiciclo il futuro del bilancio comunitario. Confronto tra eurodeputati e Commissione

(Bruxelles) La sessione plenaria del Parlamento Ue, in corso a Bruxelles, presenta come primo punto all’ordine del giorno la discussione dei deputati con il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker: al centro dell’attenzione le nuove proposte per una riforma del bilancio a lungo termine e le entrate dell’Ue dopo il 2020. Nel dibattito che seguirà la presentazione della Commissione sulle sue nuove proposte legislative, i deputati illustreranno le posizioni assunte dall’Assemblea e votate il 14 marzo scorso sul prossimo Quadro finanziario pluriennale (Qfp) e sulla riforma delle risorse proprie. I deputati “desiderano che il prossimo bilancio a lungo termine – si legge in un comunicato dell’Eurocamera – finanzi le nuove priorità, un’agricoltura moderna e sostenibile e lo sviluppo delle regioni europee. Sul versante delle entrate, propongono di rafforzare quelle esistenti, quali le risorse derivanti dai dazi doganali e agricoli e dall’introduzione graduale di nuove entrate”. I deputati sottolineano che “non è possibile concludere un accordo sul Qfp senza compiere adeguati progressi in materia di risorse proprie”, vale a dire sulla parte di bilancio relativa alle entrate. Le spese e le entrate dovrebbero essere trattate in un unico pacchetto. Spetta ora al Consiglio concordare la sua posizione sul prossimo Qfp che, per essere attuato, necessita dell’approvazione del Parlamento. I deputati hanno chiesto che si avviino senza indugio i colloqui con i ministri Ue per raggiungere un accordo prima delle elezioni europee del maggio 2019.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori