This content is available in English

Papa Francesco: udienza alla Caritas polacca. Dubicki, “abbiamo pregato insieme per la pace in Siria”. Sostegno alle famiglie

(Foto Vatican Media/SIR)

“Abbiamo pregato insieme con il Papa per la pace in Siria e insieme abbiamo recitato l’Ave Maria”, racconta al Sir Maciej Dubicki (30 anni) di Caritas Polska che insieme ad altri tre lavoratori della Caritas polacca e tre esuli dalla Siria, che avevano trovato rifugio e lavoro in Polonia, questa mattina è stato ricevuto dal Pontefice in Vaticano. “Il bus della Young Caritas è entrato in Vaticano dalla laterale Porta del Perugino”, racconta commosso il giovane, toccato dalla calorosa accoglienza da parte di Papa Francesco “e il Pontefice – prosegue – ha parlato con i siriani e si è informato circa la loro situazione prima a Damasco e ad Aleppo, e adesso in Polonia, e poi ci ha invitati a salire sulla papamobile, e tutti insieme ci siamo scattati delle foto”. Il bus della Caritas polacca è partito da Varsavia venerdì 27 aprile con l’intenzione prima di arrivare a Roma per chiedere la benedizione di Francesco, e poi per ritornare e continuare il viaggio attraverso tutto il Paese con l’intento di sensibilizzare gli abitanti alla necessità di aiutare le popolazioni del Medio Oriente. L’iniziativa, promossa dalla Caritas polacca in occasione del 100° anniversario dell’indipendenza della Polonia celebrato proprio quest’anno, ha trovato un’ampia eco su tutti i media nazionali, pubblici e privati. Nell’ambito del programma “Da famiglia a famiglia” che prevede sostegno alle famiglie in Siria da parte delle famiglie polacche circa 10mila nuclei famigliari siriani ricevono regolarmente assistenza che aiuta loro a sopravvivere nonostante la guerra.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori