Papa Francesco: il 6 maggio visita la parrocchia romana del SS. Sacramento a Tor de’ Schiavi

Domenica prossima, 6 maggio, dalle ore 16 circa, il Papa visiterà la parrocchia del Santissimo Sacramento a Tor de’ Schiavi, al civico 10 di largo Agosta. Ad accoglierlo – informa il Vicariato di Roma – ci saranno l’arcivescovo vicario Angelo De Donatis, il cardinale titolare José Gregorio Rosa Chavez, il parroco don Maurizio Mirilli, il vice parroco don Vasile Alexandru Muresan, i collaboratori parrocchiali don Dieudonné Kambale Kasika, don Juan Pablo Castillo e don Mauro Riccardi. Con loro, anche l’arcivescovo di Manila e presidente di Caritas Internationalis, il cardinale Luis Antonio Tagle, legato alla nascita della “Casa della gioia”. “Alcune mamme in età avanzata mi avevano  chiesto aiuto per l’assistenza dei figli con disabilità, quando loro sarebbero venute a mancare. Ma oltre che pregare  non sapevo cosa fare”, racconta il parroco: “Illuminante fu, allora, la partecipazione agli  esercizi spirituali predicati dal cardinale Tagle. Ci disse che il Vangelo ci sprona a scoperchiare i tetti per  accogliere chi ha bisogno di Cristo. Quella Parola mi folgorò e capii cosa dovevo fare”. La nuova casa famiglia è  stata infatti realizzata nei locali del sottotetto, fino a qualche tempo fa adibiti a magazzino. Il progetto è stato sostenuto  e condiviso dal Vicariato di Roma.
In oratorio Papa Francesco risponderà a quattro domande, poste da un genitore, da un giovane, da un adolescente e da un bambino. Poi si sposterà nel salone parrocchiale, dove abbraccerà gli anziani e gli ammalati. Salirà quindi nei locali  della “Casa della gioia”. Negli spazi adibiti a centro diurno, incontrerà alcune realtà parrocchiali legate alla carità: i  responsabili della Caritas, dei progetti “Quartieri solidali” e “Condomini solidali” e del servizio notturno per i senza dimora. Quindi il Santo Padre si fermerà con i disabili del centro diurno e con le loro famiglie. Passerà, subito dopo, a visitare la casa famiglia vera e propria e ne benedirà gli ambienti; incontrerà i 7 ragazzi che, a partire dal 6  maggio stesso, abiteranno lì insieme a due religiose e a una laica. Quindi scenderà di nuovo nei locali parrocchiali e confesserà tre fedeli. Attorno alle 17.30 celebrerà la Messa, durante la quale impartirà il sacramento della Cresima a una bambina della parrocchia affetta da malattia mitocondriale e a sua madre. Al termine saluterà i fedeli riuniti nella  piazza antistante, che avranno seguito la celebrazione sul maxischermo montato per l’occasione. “Il Papa viene a sostenerci in questa nuova sfida della casa famiglia – dichiara ancora don Mirilli -, che solo fino a  qualche mese fa sembrava un sogno irrealizzabile, e invece ora diventa realtà. Abbiamo bisogno del sostegno del
Santo Padre perché il bello viene adesso. Perché ci aiuti a realizzare il progetto pastorale, che è quello di passare dall’Eucaristia celebrata a quella vissuta, e sperimentare, così, la gioia dello ‘scartagonismo’, cioè la gioia di collaborare con Dio nel rendere protagonisti gli scartati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori