Senza fissa dimora: Avvocato di Strada, 46 sportelli in Italia e 3.769 pratiche tra questioni giudiziali e stragiudiziali nel 2017

“Lo scorso anno, con i nostri 46 sportelli in Italia, che presto diventeranno 50, abbiamo aperto 3.769 pratiche tra questioni giudiziali e stragiudiziali. Il 37,2% riguardano il diritto civile, il 24,3% il diritto dei migranti, il 28,9% il diritto amministrativo”. Sono i dati del 2017 di Avvocato di Strada, presentati questa mattina a Bologna dal presidente dell’associazione, Antonio Mumolo. “Sono numeri simili rispetto al 2016, con un piccolo incremento dovuto all’apertura di nuove sedi in Italia. Il 28% delle persone che incontriamo sono donne, il 72% uomini. Il 28% sono italiani, il 58% extracomunitari e il 13% comunitari”. Fra le questioni più affrontate, quella anagrafica, anche se Mumolo ha ricordato il recente “appello con la Fiosd per la concessione della residenza a molti fissa dimora in vista delle elezioni appena svoltesi, per assicurare il diritto di voto”. Mumolo ha evidenziato come “le pratiche relative al diritto alla casa, quindi in materia di locazione e sfratto, sono aumentate del 100%”.
In tema di diritto di famiglia, invece, “ci capita sempre più spesso di ricevere padri separati, in materia successioni invece ci sono situazioni di coreredi che scelgono di non dividere l’eredità con congiunti andati a finire per strada”. La maggior parte delle questioni amministrative, invece, riguarda “le sanzioni per mancato titolo di viaggio e i fogli di via”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa