Scuola: suor Del Core (pedagogista), “mettere in atto una rinnovata alleanza educativa tra adulti e istituzioni”

“È tempo di mettere in atto una rinnovata ‘alleanza educativa’ tra adulti e istituzioni, tra famiglie e altri adulti di riferimento nella comunità territoriale o ecclesiale”. Ne è convinta suor Pina Del Core, pedagogista e preside della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium di Roma, che in un’intervista al Sir riflette sui gravi episodi di violenza di cui sono stati teatro nei giorni scorsi quattro istituti scolastici del nostro Paese. Per suor Del Core si tratta di trovare “nuove sinergie” tra” i diversi stakeholders coinvolti nella meravigliosa, anche se oggi sempre più difficile, avventura educativa”. Nodo centrale “resta la formazione degli educatori”, spiega la pedagogista, secondo la quale “l’intervento su genitori, educatori e docenti” è “un prezioso strumento per la prevenzione primaria di ogni forma di disagio, di violenza o di fragilità”.  “Il lavoro di sostegno alla genitorialità e di accompagnamento educativo degli insegnanti e ad altre figure adulte di riferimento – afferma – si è rivelato nelle diverse esperienze che ho potuto osservare la forma privilegiata di attuare processi di prevenzione”.
Quanto alla perdita di autorevolezza dell’istituzione scolastica, suor Del Core osserva: “Il dubbio che la scuola abbia perduto la possibilità di educare è diffuso, sia tra chi vi opera sia nell’opinione pubblica”; una sfiducia che “accompagna docenti e studenti e influisce sui loro comportamenti e sulle loro motivazioni”, ma anche “l’informazione dei media contribuisce alla scarsa autorevolezza dell’istituzione”, ogni volta che” ne ritrae l’impotenza” o evidenzia episodi e comportamenti che sembrano sancire l’inefficacia della sua azione”. Questo, conclude, “interpella la responsabilità di chi potrebbe e dovrebbe intervenire” per evitare che “venga delegittimata l’autorevolezza degli insegnanti”, per scongiurare “che la trasgressione più spinta diventi una realtà ordinaria”, ma soprattutto “per prevenire, sostenere e accompagnare chi si trova in difficoltà”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo