This content is available in English

Papa Francesco: messaggio Gmg, abbiate “coraggio nel presente”. “Desidero che nella Chiesa vi siano affidate responsabilità importanti”

“Avere coraggio nel presente: coraggio per portare avanti quello che Dio ci chiede qui e ora, in ogni ambito della nostra vita; coraggio per abbracciare la vocazione che Dio ci mostra; coraggio per vivere la nostra fede senza nasconderla o diminuirla”. Si conclude con questo invito il messaggio del Papa per la prossima Gmg. “Il Signore, la Chiesa, il mondo, aspettano anche la vostra risposta alla chiamata unica che ognuno ha in questa vita!”, scrive Francesco: “Mentre si avvicina la Gmg di Panamá, vi invito a prepararvi a questo nostro appuntamento con la gioia e l’entusiasmo di chi vuol essere partecipe di una grande avventura. La Gmg è per i coraggiosi! Non per giovani che cercano solo la comodità e che si tirano indietro davanti alle difficoltà”. “Voi giovani avete bisogno di sentire che qualcuno ha davvero fiducia in voi: sappiate che il Papa si fida di voi, che la Chiesa si fida di voi! E voi, fidatevi della Chiesa!”, si legge ancora nel messaggio, in cui Francesco esorta i giovani a impiegare la loro “forza” e le loro “energie per migliorare il mondo, incominciando dalle realtà a voi più vicine”. Poi una sorta di confessione: “Desidero che nella Chiesa vi siano affidate responsabilità importanti, che si abbia il coraggio di lasciarvi spazio; e voi, preparatevi ad assumere queste responsabilità”. L’esempio additato dal Papa ai giovani è quello di Maria: “Una Chiesa pervasa da queste qualità mariane sarà sempre Chiesa in uscita, che va oltre i propri limiti e confini per far traboccare la grazia ricevuta. Se ci lasceremo contagiare dall’esempio di Maria, vivremo in concreto quella carità che ci spinge ad amare Dio al di sopra di tutto e di noi stessi, ad amare le persone con le quali condividiamo la vita quotidiana. E ameremo anche chi ci potrebbe sembrare di per sé poco amabile. È un amore che si fa servizio e dedizione, soprattutto verso i più deboli e i più poveri, che trasforma i nostri volti e ci riempie di gioia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo