Giornata preghiera e digiuno: la Fism raccoglie l’invito di Papa Francesco ed esorta scuole d’infanzia e famiglie a partecipare

La Fism (Federazione italiana scuole materne) aderisce alla Giornata di preghiera e digiuno per la pace indetta da Papa Francesco per domani, 23 febbraio, venerdì della prima settimana di Quaresima. L’appello del Santo Padre, dinanzi al tragico protrarsi di situazioni di conflitto in diverse parti del mondo, in particolare nella Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan, è rivolto a tutti, anche ai fratelli e alle sorelle non cattolici e non cristiani, invitati ad associarsi tutti insieme a questa iniziativa. Di fronte alla domanda “Che cosa posso fare io per la pace?”, Papa Francesco risponde: “Sicuramente possiamo pregare, ma non solo: ognuno può dire concretamente ‘no’ alla violenza per quanto dipende da lui o da lei. Perché le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti!”. La Fism, si legge in un comunicato, “accoglie l’esortazione del Papa e invita tutte le scuole dell’infanzia, educatrici e bambini con le loro famiglie a partecipare all’iniziativa, trovando il tempo e lo spazio durante la giornata per rivolgere un pensiero a coloro che soffrono nel mondo per le tante guerre che si stanno combattendo e condividere le ragioni della pace. La pace è possibile e tutti noi dobbiamo operare per costruirla insieme!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo