Tsunami Indonesia: Caritas Bolzano-Bressanone, 15mila euro per gli aiuti di emergenza

“Quasi 300 morti e migliaia tra feriti e scomparsi: questo il bilancio provvisorio per un improvviso tsunami che ha travolto le località costiere tra Giava e Sumatra. Devastazione e bisogno di aiuto interessano decine di migliaia di persone”. Lo ricorda la Caritas altoatesina annunciando l’invio di 15.000 euro per gli aiuti di emergenza.
“Onde alte alcuni metri hanno portato morte e devastazione in decine di località indonesiane comprese tra le isole di Giava e Sumatra. Decine di miglia di persone hanno perso tutti i loro averi e vivono ora nella paura di nuovi tsunami e nel bisogno di acqua, cibo e ripari di emergenza – si legge in una nota della Caritas di Bolzano-Bressanone -. Karina, la Caritas indonesiana, è già attiva nelle operazioni di soccorso che prevedono la fornitura di acqua potabile, alimentari, prodotti igienico-sanitari e per neonati, stuoie e, naturalmente, ripari temporanei di emergenza”.
La Caritas altoatesina,per contribuire alla fornitura di aiuti di emergenza alle popolazioni colpite, ha inviato 15.000 euro.Chi volesse contribuire a sostenere le iniziative di aiuto alle popolazioni indonesiane colpite dal terremoto e dal conseguente tsunami può farlo inviando la propria offerta attraverso uno dei seguenti conti bancari indicando la causale “Aiuto catastrofi”. Info: www.caritas.bz.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori