Diocesi: Caritas Pescara-Penne, Guardia di Finanza dona 350 capi di abbigliamento sequestrati nel corso di servizi anticontraffazione

Sono 350 i capi di abbigliamento sequestrati nel corso di varie operazioni di contrasto al commercio illegale di merce contraffatta che la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Pescara hanno donato alla Caritas diocesana di Pescara-Penne. La consegna delle Fiamme Gialle è avvenuta alla presenza dell’arcivescovo Tommaso Valentinetti e del direttore della Caritas, don Marco Pagniello. “Il vestiario – si legge in una nota – è stato sottratto al mercato illegale nel corso di interventi eseguiti dai Finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Pescara e che, successivamente, l’Autorità Giudiziaria ha confiscato, avendone accertato i segni di contraffazione delle griffes. Autorità giudiziaria che poi ha raccolto e condiviso l’idea della utilità sociale dell’iniziativa, autorizzandone la devoluzione in beneficenza per l’utilizzo solidale a cura della Caritas”.
Tra i capi di abbigliamento – da cui sono stati rimossi segni e marchi per la contraffazione – ci sono soprattutto giubbotti, pantaloni e maglie che verranno distribuiti a persone indigenti per consentire loro di proteggersi durante la stagione invernale.
“Ringraziamo il comando della Guardia di Finanza – afferma don Pagniello – con cui abbiamo una collaborazione ormai consolidata. Donazioni come quella effettuata oggi offrono l’occasione di trasformare in un frutto di bene, per le persone che vivono situazioni di disagio economico e sociale, quello che era un prodotto di attività illecite e che sarebbe andato distrutto. A fronte dell’aumento della povertà non possiamo permetterci il lusso di sprecare le cose ed è fondamentale lavorare uniti per il bene delle persone”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo