Beni confiscati alle mafie: Libera/Fondazione Tim, domani presentazione a Roma di un portale con dati, numeri e buone pratiche

Una piattaforma web per monitorare e raccontare con numeri, dati e buone pratiche la storia e la vita dei beni confiscati in Italia alle mafie e ai corrotti. Si tratta di #confiscatibene 2.0, un percorso di trasparenza e monitoraggio civico su questi beni. Il portale verrà presentato domani, 20 novembre, a Roma presso la Sala Igea dell’Istituto dell’Enciclopedia italiana- Piazza dell’Enciclopedia, 4 (ore 10). Realizzato da Libera , Fondazione Tim e On Data, il portale web vuole rendere trasparenti e accessibili a tutti i dati relativi ai beni confiscati alle mafie in tutta Italia. Dalla Lombardia alla Calabria, dall’Emilia Romagna al Lazio, verranno raccontate anche le storie di monitoraggio civile, recupero e riqualificazione di tutti quei beni confiscati alle mafie e riportati al “bene comune” nella disponibilità sociale dei cittadini. Saranno presenti Loredana Grimaldi, direttrice generale di Fondazione Tim; Ennio Maria Sodano, direttore dell’Agenzia nazionale dell’amministrazione e della destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata; Davide Pati, ufficio di presidenza di Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie; Franca Imbergamo, sostituto procuratore Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo; Gianpiero Cioffredi, presidente Osservatorio sulla legalità e la sicurezza della Regione Lazio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia