Pontificia Università Lateranense: card. De Donatis, “potrà offrire contributo a lavoro di ricezione della riforma della Curia romana”

Il diretto legame della Pontificia Università Lateranense con la Santa Sede, “della quale essa costituisce in certo senso un organismo”. Lo sottolinea il card. Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma e gran cancelliere della Pontificia Università Lateranense, nel suo saluto alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018-2019 dell’Ateneo, il 246° dalla fondazione. Un legame che, spiega De Donatis, “ci rende particolarmente interessati al lavoro di riforma della Curia romana” e giustifica la presenza di mons. Marcello Semeraro, vescovo di Albano e segretario del Consiglio dei cardinali (C9), che terrà una lectio magistralis sulla nuova Costituzione apostolica Praedicate evangelium. “La destinazione ultima dell’organizzazione della Curia romana – prosegue il gran cancelliere dell’Ateneo – non è altro che la predicazione del Vangelo”. “L’evangelizzazione è la cifra sotto la quale trattenere tutto ciò che la Chiesa fa” e “questo ci offre la giusta luce nella quale l’università potrà offrire il suo peculiare contributo al lavoro di ricezione della riforma che inizierà non appena la Costituzione verrà promulgata”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano