Parlamento Ue: Tajani, “Europa progetto di pace, ma guai a darla per scontata”. Ricordo vittime maltempo in Italia e cenno ad Asia Bibi

(Strasburgo) “La storia è una grande maestra ma non sempre ne apprendiamo la lezione”: lo ha dichiarato Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, aprendo la sessione plenaria a Strasburgo (12-15 novembre). Tajani ha ricordato le cerimonie di ieri a Parigi nel centenario della fine della prima guerra mondiale, cui ha partecipato in rappresentanza dell’istituzione: “Un’immane tragedia, con 17 milioni di morti e distruzioni”, frutto di egoismi e “contrapposizione dei popoli”. “Vent’anni dopo i nazionalismi portarono gli europei a combattersi di nuovo in un’altra guerra mondiale”. Il presidente ha affermato che “la pace è un bene prezioso, ma guai a considerarla acquisita una volta per sempre”. “L’Unione europea è un progetto di pace, che ha assicurato libertà, sviluppo e prosperità. Difendiamo questo progetto”. Tajani ha quindi citato i Paesi europei nati al termine della grande guerra e che hanno festeggiato i cento anni della propria nascita, come Polonia, Romania, Lituania ed Estonia. Nel discorso iniziale Tajani ha ricordato, inoltre, le vittime del maltempo in Italia, affermando che l’Ue è pronta a intervenire mediante il Fondo per le emergenze. Infine, un cenno alla vicenda di Asia Bibi, della quale si auspica la definitiva assoluzione e la libertà dopo 8 anni di carcere immotivato in Pakistan.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano