Diocesi: Spoleto, al via festa del Masci con oltre 1200 adulti scout. L’arcivescovo, “vostra presenza è messaggio di speranza”. Il sindaco, “ferite ancora aperte”

Si è aperta questo pomeriggio a Spoleto, in Piazza Duomo, la festa delle comunità del Masci (Movimento adulti scout cattolici italiani), una tre giorni che vede la partecipazione di oltre 1200 adulti scout provenienti da tutta Italia in rappresentanza di oltre 200 comunità. Ad accoglierli il sindaco Umberto de Augustinis e l’arcivescovo Renato Boccardo. “Indosso il fazzolettone – ha detto Boccardo – perché quando sono arrivato a Spoleto nove anni fa, sapendo della mia provenienza dall’Agesci, la comunità locale del Masci me lo ha offerto”. “La vostra presenza – ha proseguito – ci porta un messaggio di speranza e ne abbiamo tanto bisogno in questa Chiesa che ha sperimentato la violenza del terremoto, le cui ferite non sono ancora diventate cicatrici”. “Grazie di essere presenti così numerosi a Spoleto – ha aggiunto il sindaco  – con i sentimenti e l’animo che avete dimostrato in questa cerimonia di apertura”. “Vogliamo mostrare la nostra capacità di accoglienza anche se, come ha sottolineato l’arcivescovo, abbiamo varie ferite ancora aperte”. Domani dalle 9 alle 11 al “Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti” l’economista Luigino Bruni darà una testimonianza sul tema “Vivere il cambiamento guardando al futuro con speranza”. Nel pomeriggio, l’incontro con Spoleto: con la sua cultura, arte, tradizioni, con i prodotti agroalimentari e del suo artigianato. Soprattutto tra e con la gente di Spoleto. Domenica 14 ottobre, dalle 9 alle 10.45, all’Albornoz Palace Hotel, le testimonianze, sempre sul coraggio e la concretezza della speranza nel mondo di oggi, del regista Pupi Avati, di suor Elisabetta Brescinani, Vincenzo Linarello, Stefano Cavallini, Franco Vaccari e Giulia Pigliucci. A concludere la festa la Messa in Duomo di  domenica (ore 11:30) presieduta dall’arcivescovo Boccardo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa