Papa in Cile e Perù: Burke, “incontro con le comunità indigene al centro del viaggio”

foto SIR/Marco Calvarese

Il 22° viaggio apostolico internazionale di Papa Francesco “avrà soprattutto uno scopo pastorale” e si concentrerà su temi come “pace, unità, speranza”, unite “alla gioia del Vangelo”, tema centrale del videomessaggio inviato alle popolazioni di Cile e Perù alla vigilia della partenza. Lo ha detto Greg Burke, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, durante il briefing di oggi in Sala Stampa vaticana. “Momento centrale del viaggio sarà l’incontro con le comunità indigene”, ha proseguito il portavoce vaticano riferendosi alle popolazioni dell’Araucanìa, che il Papa incontrerà in Cile, e a quelle dell’Amazzonia, che incontrerà in Perù. L’incontro a Puerto Maldonado, in programma il 19 gennaio, ha specificato Burke, “sarà una sorta di anticipo, una finestra aperta sul prossimo Sinodo dei vescovi sull’Amazzonia”, convocato di recente. Ne è la riprova anche la presenza del card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, tra il seguito papale, per tutta la durata del viaggio e oltre. A Puerto Maldonado, ha reso noto il portavoce vaticano, il Papa sarà accolto nel Coliseo regional Madre de Dios da una famiglia indigena dell’Amazzonia. Poi l’incontro con la popolazioni, con danze, canti e testimonianze, al termine del quale Francesco consegnerà la “Laudato si'” nelle varie lingue locali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo