This content is available in English

Islanda: diocesi di Reykjavik, sondaggio sulla situazione pastorale delle parrocchie. Sull’isola 12mila cattolici

“Cari fratelli e sorelle, la diocesi di Reykjavik sta svolgendo un sondaggio trai fedeli per raccogliere informazioni sull’attuale situazione delle nostre parrocchie. Le vostre risposte guideranno lo sviluppo di un processo di programmazione volto alla definizione di un piano e di un programma pastorale per la diocesi”. Così scrive sul suo profilo Facebook la Chiesa cattolica in Islanda che ha avviato una consultazione tra i suoi cattolici, 12.414 ufficialmente registrati, tra i 15 e i 20mila quelli stimati. Sull’isola vi sono 6 parrocchie e 17 tra chiese e cappelle; la più recente, tutta in legno, è stata consacrata il 16 giugno scorso a Reyðarfjörður . Ci sono 31 suore e 16 sacerdoti che, secondo i dati disponibili risalenti al 2015, in un anno hanno battezzato 159 bimbi, celebrato 30 matrimoni e 26 funerali. Vescovo diocesano è lo slovacco David Tencer che nel 2015 ha cresimato 113 persone. Il questionario anonimo, attraverso 60 domande on line in islandese, inglese e polacco, vuole fotografare la situazione di chi frequenta le parrocchie, il livello di appartenenza e di partecipazione, le attese nei confronti dei sacerdoti e della comunità, le disponibilità per una partecipazione attiva. “Speriamo tu abbia trovato questo processo utile per riflettere sulla tua fede e sul significato della tua esperienza ecclesiale”, scrive Ivan Sovič che coordina l’inchiesta ed è stato nominato da poche settimane assistente del vescovo per il coordinamento del lavoro parrocchiale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa