Charlie Gard: Enoc (presidente), “un team di esperti del Ospedale Bambino Gesù al lavoro per protocollo sperimentale”

“Un team di esperti in malattie rare dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma è a lavoro con altri esperti internazionali, soprattutto americani, per mettere a punto un trattamento di protocollo sperimentale rivolto al piccolo Charlie Gard”. Lo ha detto oggi Mariella Enoc, presidente del nosocomio della Santa Sede. Rispetto a ieri, quando l’ospedale londinese aveva ringraziato per la disponibilità offerta dal Bambino Gesù, ma aveva detto che per motivi legali doveva rifiutare il trasferimento di Charlie, oggi, ha precisato Enoc, “il Great Ormond Street Hospital di Londra ci ha ricontattato rendendo note le motivazioni legali del no al trasferimento: la sentenza della Corte suprema. Solo se l’Ospedale Bambino Gesù fosse disposto a eseguire la sentenza della Corte suprema e, quindi, a staccare la spina, l’ospedale inglese sarebbe pronto a fare il trasferimento. Dal nostro punto di vista – ha evidenziato Enoc – questa opportunità non viene presa in considerazione”. Le stesse motivazioni legali per il no al trasferimento sono state spiegate anche alla Farnesina. La presidente del Bambino Gesù informa che c’è stato anche un nuovo contatto con la mamma di Charlie, che ha richiamato uno dei medici che si sta occupando del nuovo protocollo sperimentale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa