Carcere: Tuscania, il 7 luglio si conclude il corso per il reinserimento lavorativo di un giovane ex detenuto

Si concluderà venerdì 7 luglio, a Tuscania (Vt), nella prima scuola di cucina d’Italia, il corso di formazione svolto da un giovane che, si legge in una nota, “scontato il suo debito con la giustizia ha deciso di ricominciare a vivere”. Questa possibilità formativa gli è stata offerta a seguito della co-produzione “Angelo, una storia vera” di Alveare Cinema e Rai, che racconta la storia vera di un giovane, ospite della comunità ministeriale di Lecce e primo minore in Europa a essere sottoposto alla pena alternativa di “messa alla prova”. Da quell’esperienza è nato il progetto di “Alveare per il sociale” che – prosegue la nota – “si è tradotto nell’attribuzione di una borsa di studio per un altro giovane ex detenuto da parte del Campus Etoile Academy”, diretto da Rossano Boscolo che ha abbracciato il progetto di reinserimento degli ex detenuti “con la convinzione che la formazione sia l’indispensabile premessa per una rinascita personale e professionale”. “Il mondo culinario – continua Boscolo – è un antidoto naturale contro i pregiudizi: la vita in brigata insegna il gioco di squadra, a fidarsi dell’altro, a designare uno spazio d’inclusione. Offrire a un ragazzo con un passato non facile alle spalle una borsa di studio al Campus Etoile Academy significa incoraggiarlo a ripartire dalle proprie passioni, consentendogli di approcciarsi a testa alta nel mondo del lavoro”. “L’obiettivo del progetto ‘Alveare per il sociale’ è dare seguito alla narrazione di altre storie e, soprattutto far conoscere e valorizzare le buone prassi riabilitative, in un’opera partecipata che tenda a colmare la distanza tra istituzioni e cittadini dando luogo alla ‘giustizia di comunità’”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa