Treno dei bambini: sabato 3 giugno 400 piccoli terremotati “custodi della Terra” vanno da Papa Francesco

Sabato 3 giugno torna il “Treno dei bambini”, l’iniziativa promossa dal “Cortile dei gentili” del Pontificio Consiglio della cultura, in collaborazione con Ferrovie dello Stato italiane, che dal 2013 si ripete ogni anno per regalare ai bambini meno fortunati una giornata per compensare lacune, curare ferite e alleviare angosce dovute a situazioni in cui, loro malgrado, vengono a trovarsi. A bordo del Frecciarossa 1000 diretto in Vaticano ci saranno 400 piccoli abitanti di Norcia, Cascia, Accumoli, Amatrice, Arquata del Tronto e Acqua santa, che dopo i terremoti degli scorsi mesi hanno perso le loro case e, alcuni, addirittura i loro cari. Ad accoglierli a Roma saranno i bambini dell’Associazione di “Sport senza frontiere” e dell’Orchestra Marè do Amanha, proveniente da Rio de Janeiro. Culmine della giornata l’incontro con Papa Francesco, al quale saranno accompagnati dal card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura e ideatore dell’iniziativa, e dai vertici delle Ferrovie dello Stato. Davanti al Pontefice i piccoli si faranno ambasciatori di un importante messaggio: “Non potremo mai impedire le catastrofi, ma molto possiamo fare per rispondere al pericolo in maniera efficace. Impariamo a prenderci cura del nostro ambiente, ascoltiamo il ‘Grido della Terra’ e cerchiamo di assicurare una risposta adeguata per renderla migliore”. I bimbi porteranno in dono al Papa disegni e pensieri e il piccolo volume “Noi su questa terra che balla…a proposito di terremoti” edito da L’Io e il mondo di Tj, che affronta il tema del sisma con un linguaggio adeguato ai più piccoli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia