Notizie Sir del giorno: Rapporto Centro Astalli su rifugiati, delegazione vaticana da Papa Tawadros II, pena di morte, digiuno e preghiera per la Siria

Richiedenti asilo: Rapporto Centro Astalli, in aumento le difficoltà di accesso alla protezione internazionale

Aumentano, per i richiedenti asilo, le difficoltà di accesso alla protezione internazionale, con ostacoli e burocrazia che limitano l’accesso ai diritti e producono marginalità e precarietà. Lo denuncia il Centro Astalli, sede italiana del Servizio dei gesuiti per i rifugiati, nel Rapporto annuale 2017 presentato oggi a Roma. “Non siamo di fronte a un’invasione”, ha sottolineato il segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino, chiedendo “un permesso di soggiorno umanitario anche per i numerosi diniegati (stimati nei prossimi mesi in 40.000), per evitare la situazione di irregolarità per molte persone, soprattutto al Sud, che genererebbe sfruttamento, non tutela della dignità della persona e insicurezza”. “I muri si costruiscono con il cemento e il filo spinato ma si possono erigere anche con le norme e temiamo che proprio questo stia avvenendo oggi in Italia”: questa la preoccupazione espressa da padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, a proposito del decreto Minniti-Orlando sull’immigrazione approvato oggi in via definitiva alla Camera. La presidente della Camera, Laura Boldrini, ha poi auspicato che l’impegno preso dal governo di approvare la legge sulla cittadinanza (manca il passaggio al Senato) “venga portato a termine entro la fine della legislatura: questo è il modo più efficace per fare sicurezza e inclusione nel nostro Paese”.

Attentati in Egitto: delegazione vaticana da Papa Tawadros II per portare la vicinanza di Papa Francesco e Benedetto XVI

Una delegazione vaticana è stata ricevuta oggi da Sua Santità papa Tawadros II, patriarca della Chiesa copta ortodossa, che domenica scorsa è sfuggito all’attentato nella cattedrale di san Marco ad Alessandria (sede del Patriarcato copto ortodosso), mentre celebrava la Divina Liturgia della Domenica delle Palme. La delegazione vaticana era composta dal cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l’unità dei cristiani, dal nunzio apostolico in Egitto, monsignor Bruno Musarò, e dal segretario di papa Francesco Yoannis Lahzi Gaid. (clicca qui)

Pena di morte: Amnesty International, 1.032 esecuzioni nel 2016. Cina al primo posto ma dati occultati come segreto di Stato

Nel 2016 sono state almeno 1.032 le persone messe a morte in 23 Paesi del mondo, il 37% in meno rispetto al 2015. Lo rende noto il Rapporto sulla pena di morte di Amnesty International, “Death sentences and executions 2016”, diffuso oggi, secondo il quale la maggior parte delle esecuzioni è avvenuta, nell’ordine, in Cina, Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan. La Cina rimane dunque il maggior esecutore mondiale, ma la reale entità dell’uso della pena di morte nel Paese è sconosciuta perché i dati, spiega il report, “sono classificati come segreto di Stato”. (clicca qui)

Stati Uniti: sparatoria di San Bernardino. Il vescovo Barnes, “oggi possiamo solo piangere. Dio unica consolazione. Ma ripartiremo”

“Prego per le vittime e per l’intera comunità scolastica dopo la sparatoria di oggi alla scuola elementare di North Park”: lo ha affermato il vescovo di San Bernardino, in California (Usa), mons. Gerald R. Barnes. E ha aggiunto: “A volte l’unica cosa che possiamo fare è piangere, e questa è una di quelle giornate. Ci rialzeremo. Ripartiremo. Diventeremo più forti. Ma oggi non può che prevalere la commozione. L’unica consolazione in questo momento di dolore è Dio”. Un uomo armato, Cedric Anderson, 53 anni, ieri mattina è entrato alla North Park Elementary School. Si è diretto verso l’aula in cui insegnava sua moglie, Karen Elaine Smith, 53 anni, e le ha sparato, ferendola a morte. I due erano sposati da alcuni mesi e separati da uno. Lui la accusava di infedeltà. (clicca qui)

Siria: Caritas e Pax Christi, domani Giornata di digiuno e preghiera “per vivere la passione di tanti innocenti nella luce della Pasqua”

Una giornata di digiuno e preghiera per la Siria, da celebrare in tutte le Caritas diocesane e nei gruppi locali di Pax Christi domani 12 aprile, alla vigilia del Triduo pasquale, “per non dimenticare, per vivere la passione e la croce di tanti innocenti nel mistero della Passione di Cristo, nella luce della speranza della Pasqua”. La promuovono Caritas italiana e Pax Christi Italia, ribadendo la condanna alla strage di Idlib in Siria. “Ogni guerra è crimine, follia, suicidio dell’umanità, avventura senza ritorno – si legge in una nota congiunta -. Stiamo e restiamo dalla parte delle vittime non solo per aiutarle a sopravvivere alla guerra, ma anche a costruire un futuro durevole di pace basato sulla cultura della nonviolenza”. (clicca qui)

Lussemburgo: per Pasqua messaggio congiunto delle Chiese cristiane. “Fede nella risurrezione è fonte di gioia, speranza e carità”

“In un mondo sempre più incerto e disorientato i cristiani uniscono le loro voci per proclamare la vittoria della vita sulla morte, affermano la loro fede nella risurrezione; essi si sforzano di conoscere meglio e di fare conoscere Gesù Cristo, la potenza della sua risurrezione e la comunione delle sue sofferenze”. Lo scrivono i membri del Consiglio delle Chiese cristiane in Lussemburgo in un messaggio per la Pasqua 2017. Quest’anno la Pasqua sarà celebrata il 16 aprile da tutte le confessioni cristiane. Questo evento si verifica raramente: è avvenuto nel 2014 e avverrà di nuovo nel 2025. Per questo “il Consiglio delle Chiese cristiane in Lussemburgo desidera esprimere la propria gioia di condividere il messaggio della Risurrezione di Gesù con tutti i fedeli”. (clicca qui)

Diocesi: Vigevano, quattro itinerari artistici per lo sviluppo del territorio

“Il desiderio è che la collettività possa vivere questi lavori come un momento culturale importante e che si possa valorizzare, con la comunità cristiana e la società civile, un patrimonio che ci rivela la nostra identità”. Con queste parole mons. Maurizio Gervasoni, vescovo di Vigevano, ha presentato il progetto “Itinerari artistici integrati”, che è stato identificato da Fondazione Cariplo come “intervento emblematico” per la capacità di promuovere lo sviluppo del territorio e ha ricevuto un contributo di 1 milione di euro su un costo stimato di circa 2,7 milioni. Sono quattro i percorsi culturali previsti e interesseranno museo del tesoro del duomo, biblioteca e archivio storico diocesani, cattedrale. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia