Lotta al bullismo: “MaBasta”, “l’appello del Papa è importante sotto tutti i punti di vista”

“L’appello del Papa è importante sotto tutti i punti di vista, con quel suo insistere ripetuto come a sollecitare il consenso dei ragazzi”. Lo dice al Sir Daniele Manni, il docente di informatica che è l’ispiratore di “MaBasta”, iniziativa nata oltre un anno fa tra gli studenti dell’istituto Galilei-Costa di Lecce per opporsi al fenomeno del bullismo. Manni sottolinea soprattutto che il Papa, parlando ai cresimandi dell’arcidiocesi di Milano, non si è limitato a chiedere di non praticare mai il bullismo, ma li ha invitati a promettere un impegno attivo affinché il bullismo non trovi posto nei loro contesti di vita. “Questo è particolarmente importante – spiega – perché nel fenomeno del bullismo una parte molto rilevante è quella degli spettatori, di coloro che non solo guardano e non intervengono, ma diventano anche amplificatori. Ed è importante soprattutto perché, se c’è una speranza di fermare questa piaga, essa sta nella mobilitazione dal basso degli stessi ragazzi”. Per Manni i verbi-chiave sono “responsabilizzarsi” e “unirsi”. “Quando i ragazzi di MaBasta vanno a parlare ai loro coetanei delle scuole – racconta il docente – quello che propongono è di organizzarsi in un ‘contro-branco’. Se ci si espone da soli, si rischia di diventare l’ennesima vittima dei bulli, ma quando tutta una classe si muove e li isola, allora le cose possono cambiare”. Manni parla con amarezza del bullismo anche come conseguenza del “fallimento degli adulti”. Se il fenomeno “è molto forte nelle elementari e nelle medie – osserva – proprio non riesco a dare la colpa ai ragazzi”. Per i genitori l’invito è a investire molto nel dialogo con i figli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia