Papa a Milano: raccolta fondi promossa da Caritas ambrosiana per contribuire alla costruzione della “Casa del futuro” ad Amatrice

Inizia a riempirsi lo stadio di San Siro a Milano in attesa dell’arrivo di Papa Francesco in programma alle 17.30. I cancelli del Meazza si sono aperti alle 13.30, e per l’incontro del Santo Padre con i cresimandi del 2017 e i cresimati 2016 sono previste oltre 80mila persone, tra ragazzi della cresima, genitori, padrini, madrine e catechisti. Assieme a loro, anche 400 volontari insieme agli oltre 1.000 adolescenti degli oratori della diocesi che saranno impegnati nelle figurazioni coreografiche. Pochi minuti fa ha avuto inizio l’animazione con le band degli oratori di Bresso e Lainate, a cui seguirà a breve anche l’animazione dei ragazzi della Fom (Fondazione oratori milanesi) e dell’Acr (Azione Cattolica Ragazzi) con canti, cori e coreografie sugli spalti. Ci sono voluti sei mesi di lavoro della Commissione cresimandi per la preparare questo evento, che oltre a essere uno spettacolo di pubblico sarà anche un’occasione di carità. All’incontro con il Papa, infatti, è stata collegata una raccolta fondi promossa da Caritas ambrosiana per contribuire alla costruzione della “Casa del futuro” ad Amatrice, cittadina distrutta dal sisma. Si tratta di una casa di accoglienza e di sostegno sociale per adolescenti e giovani in difficoltà, ma anche di una casa che potrà ospitare i gruppi parrocchiali per vivere esperienze di vita comune o di campi scuola. A raccogliere simbolicamente questa offerta sarà il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa