Sacra Famiglia: mons. Seccia (Lecce), “le relazioni familiari siano vissute nella luce della fede”

“Vogliamo fare un bilancio della vita familiare oggi? Vogliamo chiederci se abbiamo veramente messo Gesù al centro nel rapporto tra genitori e figli, fratelli e sorelle, marito e moglie? Gesù è l’amore, si è fatto carne, ha condiviso la nostra umanità per dare valore alle nostre relazioni”. Lo ha detto l’arcivescovo di Lecce, mons. Michele Seccia, nel videomessaggio dedicato alla solennità della Sacra Famiglia, che si celebra domani, domenica 31 dicembre. “Siamo ancora davanti a Gesù per dirgli grazie di questo anno 2017 che ormai è agli sgoccioli”, ha aggiunto il presule che ha invitato a contemplarlo “ancora a Betlemme, tra Maria e Giuseppe, nelle semplicità e nella povertà, nel vissuto quotidiano”. “Chiediamo a Gesù che le relazioni familiari siano vissute sempre nella luce della fede, soprattutto quando ci sono difficoltà in famiglia”. “Allora – ha sottolineato mons. Seccia – si deve intensificare quella preghiera che forse si è dimenticata, un semplice segno di croce, un’ave Maria, un dire ‘Signore, apri tu le porte in questo momento che vediamo tutto chiuso e ci lasciamo prendere dal pessimismo’”. Infine, l’invito dell’arcivescovo a “ringraziare Dio per quest’anno che sta terminando” e ad “aprire il nostro cuore alla speranza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori