Diocesi: Trento, per 70 giovani il “Capodanno capovolto” nelle strutture di accoglienza cittadine

Un'immagine del momento di preparazione al "Capodanno capovolto" del 2015

Saranno 70 i giovani trentini che nella notte tra domenica 31 dicembre e lunedì 1° gennaio parteciperanno al “Capodanno capovolto, dai all’ultimo un nuovo volto”, iniziativa promossa per il settimo anno dalla diocesi di Trento. I giovani, tutti dai 18 ai 35 anni, animatori compresi, trascorreranno alcune ore in compagnia di ospiti, operatori e altri volontari di alcune strutture di prima accoglienza, a Trento. In particolare, quelle coinvolte sono Sentiero, Bonomelli, Casa Briamasco, Casa Lamar, Casa P. Angelo, La Rete, Unità di Strada. L’iniziativa della Chiesa trentina – attraverso Caritas, Fondazione Comunità solidale, Pastorale giovanile e universitaria – si aprirà già nel pomeriggio del 31 dicembre, alle 14: “prima di vivere il passaggio al nuovo anno nelle strutture citate – si legge in una nota – i giovani si ritroveranno nel seminario diocesano. Faranno conoscenza reciproca e vivranno un momento di preparazione comune, in vista poi della divisione in gruppi e dell’uscita serale ‘sul campo’”. Terminata l’esperienza nelle varie strutture, i giovani a notte inoltrata ritorneranno in seminario per un breve momento di condivisione finale e di bilancio del loro “Capodanno capovolto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori