Diocesi: mons. Spinillo (Aversa), “Gesù è la salvezza, nel suo nome si piegano tutte le realtà del mondo”

“La nostra salvezza è poterci sentire e vivere sempre come figli di Dio, insieme con Gesù sentire di essere con libertà partecipi dell’opera di Dio, capaci di offrire all’amore di Dio tutta quanta la nostra disponibilità per poter amare con lui tutta quanta l’umanità”. Lo afferma il vescovo di Aversa, mons. Angelo Spinillo, nel videomessaggio in cui commenta le festività dei prossimi giorni. Domani, domenica 31 gennaio, cade la festa della Santa Famiglia di Gesù, mentre il primo giorno dell’anno si celebrerà la solennità della Maternità di Maria. “Ma il 1° gennaio è anche la Giornata mondiale della pace”, ricorda il vescovo, spiegando che “sono, questi, momenti che vanno vissuti come un’unità”. Questa unità, sottolinea mons. Spinillo, “è la salvezza, la presenza di Gesù nel cui nome si piegano tutte le realtà del mondo, tutte le potenze”. Egli ci ha eletti a figli, liberandoci dalla nostra schiavitù.

“Ma il concetto di salvezza si coniuga anche con la significativa celebrazione della Santa Famiglia di Gesù: Maria e Giuseppe offrono se stessi all’amore di Dio Padre, crescendo Gesù con amore e nell’obbedienza alla volontà del Signore”. Il vescovo ricorda poi il messaggio di Papa Francesco per la 51ª Giornata mondiale della pace in cui viene chiesta “quell’attenzione all’umanità in cammino, ai migranti in particolare. Un’umanità che cerca condizioni di vita migliori, più adatte al poter crescere con serenità”. “Tanti – osserva mons. Spinillo – sono in cammino per il mondo, sfuggendo a situazioni di difficoltà di vita o di terribile degrado dei rapporti umani, dove la politica stessa diventa oppressione piuttosto che cammino comune verso uno sviluppo positivo delle potenzialità di un popolo e di un territorio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori