Liberia: ok da osservatori per presidenziali. Attesa per risultati

(DIRE-SIR) – Un voto pacifico, che si è svolto senza incidenti e nel rispetto delle regole: questo il giudizio sul ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia condiviso da ong locali e osservatori internazionali, sia africani che europei. Ieri oltre due milioni di aventi diritto erano chiamati a scegliere tra l’ex calciatore George Weah e il vice-capo di Stato Joseph Boakai. A esprimere un giudizio positivo sulle operazioni di voto sono stati tra gli altri la rete di ong Liberia Elections Observation Network (Leon) e la missione di osservazione dell’Ue. Secondo l’eurodeputata Maria Arena, a capo della delegazione comunitaria a Monrovia, il voto si è tenuto “nel rispetto del processo elettorale”. I risultati dello scrutinio dovrebbero essere diffusi nei prossimi giorni. Al primo turno era risultato in testa Weah, 51 anni, ex stella del Milan e del Paris Saint Germain, a oggi l’unico africano a conquistare il Pallone d’oro. La Liberia è stata ostaggio di un conflitto civile tra il 1989 e il 2003. Dal 2005 il Paese è stato guidato da Ellen Johnson Sirleaf, premio Nobel per la pace, che lascia ora nel rispetto del divieto costituzionale di restare in carica per più di due mandati.

(www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori