Gerusalemme: capi Chiese e patriarchi, messaggio di Natale “mantenere Status Quo Città Santa fino ad accordo di pace”

“Riaffermiamo la nostra chiara posizione nel chiedere il mantenimento dello Status Quo della città santa fino a quando non sarà stato raggiunto un giusto accordo di pace tra israeliani e palestinesi sulla base di negoziati e della legge internazionale”. A chiederlo, nel loro messaggio natalizio, sono i patriarchi e i capi delle Chiese di Gerusalemme. Nel testo i 13 leader cristiani, tra cui mons. Pierbattista Pizzaballa e il custode Francesco Patton, ribadiscono che la presenza e la testimonianza dei cristiani di Terra Santa “sono strettamente collegate ai luoghi santi e alla loro accessibilità come luoghi di assemblea e di incontro per l’unità tra popoli di fedi diverse. Sono i luoghi santi che hanno dato significato alla regione”. “Qualsiasi approccio esclusivamente politico a Gerusalemme – scrivono gli esponenti religiosi – priverà la città della sua vera essenza e delle sue caratteristiche e calpesterà il meccanismo che ha mantenuto la pace attraverso i secoli. Gerusalemme è un dono sacro; un tabernacolo; terra sacra per il mondo intero. Tentare di possedere la Città Santa Gerusalemme o confinarla con criteri di esclusività porterà ad una realtà molto oscura”. “Continuiamo a pregare per l’intera regione del Medio e – conclude il messaggio – chiediamo al Principe della pace di ispirare i cuori e le menti di tutti coloro che hanno autorità a camminare sulla via della pace, della giustizia e della riconciliazione tra le nazioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia