Diocesi: mons. Muser (Bolzano-Bressanone) ai volontari Caritas, “siate il dito indice della società che aiuta a guardare e a non distogliere lo sguardo”

“Siate, nella nostra società, quel dito indice che aiuta tutti a guardare e a non distogliere invece lo sguardo”. È l’invito rivolto dal vescovo di Bolzano-Bressanone, mons. Ivo Muser, ai numerosi collaboratori e volontari della Caritas diocesana nella messa d’Avvento celebrata a Bolzano presso la chiesa del Sacro Cuore. “Questo è il mio augurio di Natale a voi, care collaboratrici e cari collaboratori della nostra Caritas: con la vostra opera siate un richiamo a Cristo! Con il vostro lavoro testimoniate che Cristo è presente in ogni essere umano”, ha continuato il vescovo. “Dalla parte di Dio può stare soltanto chi sta anche dalla parte dell’uomo”, ha ammonito mons. Muser, aggiungendo che “coloro i quali trascurano l’uomo, infatti, trascurano Dio stesso. Coloro i quali ignorano l’uomo, ignorano Dio stesso. Chi non si cura dell’uomo, dimentica Dio stesso”. Il vescovo ha poi rilevato che “la Caritas cristiana deve svolgere davvero un mandato natalizio: lo stesso Dio è diventato uomo! E l’ultima conseguenza del mistero del Natale è: ‘Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me’”. “Il cristiano che prende sul serio il Vangelo non può che essere coraggioso e solidale”, ha invece affermato il direttore della Caritas, Paolo Valente. “Spero che, anche quest’anno, siamo riusciti a rendere le nostre comunità più attente a costruire buone relazioni tra le persone, il mondo che ci circonda un po’ più solidale, noi stessi più capaci di ascolto, di testimonianza e di coraggio”, ha concluso Valente.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia