America Latina: Celam riconosciuto consultore della società civile per l’Organizzazione internazionale del lavoro

Il Celam (Consiglio episcopale latinoamericano) attraverso il Dejusol (Distretto per la giustizia e la solidarietà dello stesso Celam) è stato riconosciuto come consultore della piattaforma globale delle organizzazioni della società civile all’Organizzazione internazionale del lavoro (Oit) per il periodo 2017-2025. La decisione è stata presa a margine della IV Conferenza mondiale sul lavoro minorile, svoltasi recentemente a Buenos Aires. Un documento del Celam segnala il primo obiettivo di questo accordo: “Essere voce profetica per la dignità dell’infanzia latinoamericana, in favore di un diritto alla vita piena e in abbondanza, facendo appello a tutta la società per sradicare le cause strutturali che provocano il lavoro minorile”. Altro obiettivo è quello di promuovere il rispetto e la tenerezza nelle relazioni tra adulti e bambini, collocando il lavoro minorile come il risultato delle pratiche violente ed inique che attanagliano il continente la povertà. Per Elvy Monzant, segretario esecutivo del Dejusol, l’accordo tra Celam e Oit sviluppa l’idea che “come Chiese prendiamo posizione rispetto al tema
del lavoro infantile ed alziamo la nostra voce”. Il salesiano padre Alejandro Cussianovich, docente dell’Università San Marcos di Lima e referente mondiale sul tema del protagonismo dell’infanzia e adolescenza, fa parte del gruppo di lavoro promosso dal Celam. Spiega al Sir che “si tratta di una responsabilità molto seria per un tema spinoso. Dobbiamo come Chiese assumere l’urgenza di mostrare una vocazione profetica e farlo con umiltà, ma anche con l’audacia prudente che è dono dello Spirito”. Aggiunge Cussianovich: “La pedagogia della tenerezza rappresenta un richiamo affinché nelle relazioni educative ciò che afferisce all’affettività costituisca una componente obbligatoria nei necessari processi di umanizzazione della nostra condizione umana. In contesti di permanente violazione dei diritti umani si impone di rivendicare l’amore, e la sua espressione nella tenerezza, come un’autentica e necessaria virtù politica”. Cristiano Morsolin, esperto di diritti umani in America Latina, commenta al Sir: “Il riconoscimento dell’Organizzazione internazionale del lavoro all’impegno profuso dal Celam rappresenta un importante riconoscimento e momento di dialogo per tante esperienze ecclesiali di base, come la Pastoral do menor in Brasile, e i movimenti dei bambini lavoratori come il peruviano Manthoc. Si tratta di un contributo importante per interpretare il fenomeno complesso del lavoro minorile nell’ottica del debito sociale verso l’infanzia e adolescenza, storicamente emarginate in America Latina, come richiama Papa Francesco”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia