Richiedenti asilo: Oxfam, nel nuovo rapporto “La lotteria Italia dell’accoglienza” gli elementi di debolezza del nostro sistema

“In Italia vengono accolti tre richiedenti asilo ogni 1.000 abitanti. Un numero che non giustifica una gestione sostanzialmente ‘emergenziale’. A questo numero affatto straordinario corrisponde invece una gestione straordinaria: 136.477 migranti, pari al 78% del totale, vivono nei 7.000 Cas sparsi in tutta Italia”. Lo scrive Oxfam nel nuovo rapporto “La lotteria Italia dell’accoglienza”, diffuso oggi, in cui si evidenziano “gli elementi di debolezza e irrazionalità del sistema di accoglienza italiano”. “I richiedenti asilo che arrivano nel nostro Paese sono sottoposti a una vera e propria lotteria – dichiara il presidente di Oxfam Italia, Maurizia Iachino -. Spesso sono vittime di processi di identificazione sommari, di una burocrazia inefficiente che li destina a casaccio in un centro o in un altro, in una città o nell’altra, semplicemente sulla base della disponibilità momentanea di posti letto, fuori da ogni logica e in disprezzo delle storie personali”. Nel report vengono segnalati episodi di “inefficienze e disparità”, che si riflettono anche sui tempi necessari per ricevere una risposta alla propria richiesta di asilo. “Possono trascorrere, in media, quasi 8 mesi tra la formalizzazione della richiesta e la data di audizione presso la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale. Solo nel 12,7% dei casi il colloquio avviene entro 3 mesi. Il risultato è che il processo di integrazione si rallenta”. Così Oxfam lancia un appello al Governo italiano, al quale chiede “canali regolari di ingresso in Italia” e “la definizione di un sistema di accoglienza equo e uniforme adatto alla portata dei flussi migratori e ai bisogni delle persone”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia