This content is available in English

Paesi Bassi: Sinodo 2018, rapporto Conferenza episcopale su condizione giovanile. “Fede di minoranza”

(foto Ramon Mangold)

Un “Rapporto sulla situazione dei giovani olandesi e gli sviluppi nell’ambito della religione cattolica nei Paesi Bassi” è stato pubblicato sul sito della Conferenza episcopale. Il documento di 14 pagine contiene una serie di “valutazioni” in vista del Sinodo dei vescovi del 2018, con “elementi quantitativi e qualitativi sulla situazione nelle diocesi olandesi”. Alla redazione hanno contribuito le sette diocesi, l’ufficio nazionale di statistica, la Conferenza dei religiosi, gli istituti di formazione al sacerdozio e al diaconato. Alcuni dati di partenza: i cattolici sono 3.882.000 (il 22,9% della popolazione). I giovani olandesi tra 16 e 29 anni sono quasi 3 milioni. Ogni anno ci sono in media 3,5 persone che si avviano al sacerdozio, 25 novizi e 2.320 matrimoni cattolici. La disoccupazione giovanile è del 12,2% (tra le più basse in Europa). Le sfide alla Chiesa derivanti dal contesto giovanile: “I giovani che sono in un cammino di ricerca religiosa sono vulnerabili e ci vuole molto coraggio da parte loro nel continuare adesso che sono in minoranza”. E ancora: “sommersi” dalle possibilità di scelta anche in ambito religioso, spirituale, filosofico, “vivono una considerazione maggiormente soggettiva della proclamazione della verità”. Spesso non si legano “a un gruppo o associazione ma cercano di mantenere aperte tutte le possibilità”. I giovani si sentono poi in dovere di vivere sempre una vita interessante e perfetta, in un mondo che fa costantemente classifiche, anche nello studio e nel lavoro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia