Notizie Sir del giorno: la comunicazione di Papa Francesco nell’era della connessione globale, Rapporto sulla protezione internazionale in Italia, l’Università cattolica investe sulla ricerca

Papa Francesco: udienza, anche oggi molti cristiani “rischiano la vita per partecipare alla Messa”

“È fondamentale per noi cristiani comprendere bene il valore e il significato della Santa Messa, per vivere sempre più pienamente il nostro rapporto con Dio”. Con queste parole, durante l’udienza di oggi, il Papa ha cominciato un nuovo ciclo di catechesi, dopo aver concluso quello sulla speranza, “che punterà lo sguardo sul cuore della Chiesa, cioè l’Eucaristia”, ha spiegato ai 13mila fedeli presenti oggi in piazza San Pietro. “Non possiamo dimenticare il gran numero di cristiani che, nel mondo intero, in duemila anni di storia, hanno resistito fino alla morte per difendere l’Eucaristia; e quanti, ancora oggi, rischiano la vita per partecipare alla Messa domenicale”, ha detto Francesco coniugando attualità e storia della Chiesa. (clicca qui)

Comunicazione: Peverini-Lorusso (semiologi), “Papa Francesco è pop per il suo linguaggio irrituale”

“Ci sono tante ragioni per cui possiamo definire Papa Francesco ‘pop’. È pop perché ricorre a un linguaggio irrituale, perché è in grado di declinare contenuti complessi in forme brevi (i suoi messaggi su Twitter), manifesta curiosità nei confronti di forme attuali di autorappresentazione come i selfie. Privilegia il contatto diretto con l’interlocutore scegliendo il mezzo del telefono; valorizza modi di dire diretti e azioni di vita quotidiana, come l’andare nei negozi”. Così in un’intervista al Sir Paolo Peverini e Anna Maria Lorusso, semiologi e curatori del volume “Il racconto di Francesco. La comunicazione del Papa nell’era della connessione globale”, edito dalla Luiss University Press. Il Sir ha incontrato i due studiosi in vista della presentazione nella sede Rai di viale Mazzini a Roma, domani, in una conferenza stampa con la presidente Rai, Monica Maggioni, e il prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede mons. Dario Edoardo Viganò. (clicca qui)

Immigrazione: 181.436 migranti sbarcati nel 2016. Quest’anno diminuiti del 30%

Nel 2016 sono sbarcati sulle coste italiane 181.436 migranti (+18% rispetto al 2015), di cui 162mila partiti dalla Libia. Di questi 181.436 sono stati salvati in mare 178.415, di cui 60.684 salvati da Ong o navi mercantili. 36.424 fino ad aprile 2017, di cui 18.344 salvati da Ong o navi mercantili. La rotta del Mediterraneo centrale è la più rischiosa: dei 5.000 morti nel Mediterraneo, 4.500 sono avvenuti nel 2016 lungo questa rotta. Al 30 ottobre 2017, il numero di sbarchi segna quota 111.302, ovvero il 30% in meno rispetto allo stesso periodo del 2016, a causa degli accordi con la Libia. In Italia gli sbarchi coinvolgono per la maggior parte nigeriani (14mila persone fino a giugno scorso), bengalesi (8.241) e guineani (7.759). È quanto emerge dal Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2017 realizzato da Anci, Caritas italiana, Cittalia, Fondazione Migrantes, Servizio centrale dello Sprar e in collaborazione con l’Unhcr, presentato oggi a Roma.  (clicca qui)

Siria: mons. Jeanbart (Aleppo), “la guerra volge al termine, si prepara una nuova alba per il Paese”

Ora che la guerra volge al termine, per la Siria si prepara una nuova alba, è giunto il tempo di costruire una nuova Siria, libera, moderna, pluralista, una società chiamata al progresso e alla prosperità. È quanto scrive l’arcivescovo greco-cattolico di Aleppo, monsignor Jean-Clement Jeanbart in una lettera pastorale fatta pervenire al Sir. Indirizzata ai fedeli della città martire siriana, la lettera passa in rassegna le ultime vicende legate alla guerra che, mons. Jeanbart non esita a definire “finita. È ciò che ascoltiamo dalle dichiarazioni – spiega l’arcivescovo – dei capi di Stato ed è ciò cui stiamo assistendo”. (clicca qui)

Università Cattolica: Anelli (rettore), “nei prossimi tre anni 350mila euro per incentivare la ricerca”

(Milano) L’Università Cattolica del Sacro Cuore incentiverà la ricerca istituzionale nei prossimi tre anni “con risorse specifiche pari a 350mila euro”. L’annuncio è stato dato questa mattina dal rettore Franco Anelli, durante il discorso per l’inaugurazione dell’anno accademico. “Questa iniziativa – ha precisato il rettore – mira a rafforzare la nostra produttività scientifica in termini qualitativi e quantitativi ed è, nel contempo, un’ulteriore forma di valorizzazione del ruolo dei docenti del nostro Ateneo”. (clicca qui)

Paesi Bassi: Sinodo 2018, rapporto Conferenza episcopale su condizione giovanile. “Fede di minoranza”

Un “Rapporto sulla situazione dei giovani olandesi e gli sviluppi nell’ambito della religione cattolica nei Paesi Bassi” è stato pubblicato sul sito della Conferenza episcopale. Il documento di 14 pagine contiene una serie di “valutazioni” in vista del Sinodo dei vescovi del 2018, con “elementi quantitativi e qualitativi sulla situazione nelle diocesi olandesi”. Alla redazione hanno contribuito le sette diocesi, l’ufficio nazionale di statistica, la Conferenza dei religiosi, gli istituti di formazione al sacerdozio e al diaconato. Alcuni dati di partenza: i cattolici sono 3.882.000 (il 22,9% della popolazione). I giovani olandesi tra 16 e 29 anni sono quasi 3 milioni. (clicca qui)

Degrado ecologico: Piccinni (Fondazione don Tonino Bello), “intraprendere stili di vita in sintonia con il creato e in armonia con quanto ci circonda”

Di fronte al degrado ecologico “è necessario intraprendere modelli di vita nuovi o forse antichi, stili di vita in sintonia con il creato: ci possono venire in soccorso le culture delle cosiddette società primitive”. Ne è convinto Giancarlo Piccinni, presidente della Fondazione don Tonino Bello  di Alessano (Lecce) che sta promuovendo una serie di iniziative per i 25 anni della morte del Servo di Dio, il 20 aprile 2018. “Dobbiamo tenere insieme – dice Piccinni al Sir – tutto ciò che ci circonda: tutto ciò che ha rapporto con la biosfera, anche quando sembra inutile, non lo è. Anzi, prima o poi, lo riscopriamo molto utile”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia