Europa: card. Marx (Comece), “custodire le radici cristiane e continuare il dialogo sul progetto comunitario”

Un appello a “custodire le radici cristiane dell’Europa e a continuare il dialogo sul progetto europeo” segna la fine dell’incontro “(Re)thinking Europe” organizzato dalla Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece) e dalla Segreteria di Stato, evento che si è svolto in questi giorni in Vaticano (27-29 ottobre). I 350 partecipanti hanno concluso il loro dialogo con la messa celebrata dal card. Reinhard Marx, presidente della Comece, nella basilica di San Pietro. Occorre essere “testimoni della speranza e della vita cristiana nel continente europeo”, ha affermato nell’omelia il cardinale; si tratta di “aiutare le persone a uscire dalle proprie difficoltà e di essere un esempio di vita cristiana”. Ciò creerà una “libertà responsabile e un impegno verso un mondo di pace e una solidarietà visibile”. Il cardinale ha sottolineato come “il contributo più importante che i cristiani possono dare all’Europa è l’annuncio del Vangelo”. È peraltro la Dottrina sociale della Chiesa che incoraggia a “trasportare nelle realtà politiche e sociali la Buona novella”. Di qui l’appello del card. Marx: “facciamo la nostra parte nel costruire questa Europa, prendiamoci questa responsabilità” e l’invito a “tornare nei nostri Paesi rafforzati da questo congresso e da questo dialogo e a collaborare alla realizzazione dell’idea europea”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa