Iraq: Sako (Patriarca caldeo), accoglienza migranti su base religiosa annunciata da Trump è “trappola per i cristiani”

L’opzione prefigurata dal Presidente Usa Donald Trump di mantenere una “corsia preferenziale” aperta per l’ingresso di profughi cristiani negli Stati Uniti, mentre si chiudono le porte ai cittadini non cristiani di 7 Paesi a maggioranza islamica, rappresenta “una trappola per i cristiani del Medio Oriente”. Lo sottolinea il Patriarca caldeo Louis Raphael I Sako, Primate della Chiesa cattolica orientale a cui appartiene la stragrande maggioranza dei cristiani iracheni. “Ogni politica di accoglienza che discrimina i perseguitati e i sofferenti su base religiosa” spiega il Patriarca Louis Raphael, le cui parole sono riportate da Fides, “finisce per nuocere ai cristiani d’Oriente, perché tra le altre cose fornisce argomenti a tutte le propagande e ai pregiudizi che attaccano le comunità cristiane autoctone del Medio Oriente come ‘corpi estranei’, gruppi sostenuti e difesi dalle potenze occidentali. Queste scelte discriminanti” aggiunge il Primate della Chiesa caldea “creano e alimentano tensioni con i nostri concittadini musulmani. I sofferenti che chiedono aiuto non hanno bisogno di essere divisi in base a etichette religiose. E noi non vogliamo privilegi. Ce lo insegna il Vangelo, e ce lo ha mostrato anche Papa Francesco, che ha accolto a Roma rifugiati fuggiti dal Medio Oriente sia cristiani che musulmani, senza fare distinzioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia