Parrocchie aperte: mons. Montinaro (Santa Lucia – Lecce), “non bisogna burocratizzare le chiese”

“Il Papa ha ragione a esortarci a non fare ‘orari d’ufficio’ nelle parrocchie perché non bisogna burocratizzare le chiese. La disponibilità del sacerdote ci deve sempre essere. Ma è chiaro che ogni realtà è diversa dall’altra. Una parrocchia può avere un numero di fedeli meno ingente rispetto ad un’altra e per questo fare degli orari di apertura diversa. Invece, la presenza del sacerdote non deve mai mancare”. Monsignor Antonio Montinaro, parroco della chiesa di Santa Lucia a Lecce, non ha dubbi sulle parole dette da Papa Francesco durante la Messa per il Giubileo dei diaconi: riconosce il grande valore dell’accoglienza ma anche l’enorme lavoro che si svolge per aiutare chi necessita di assistenza. Lecce infatti risente dell’ondata di migranti del Mediterraneo. “Il concetto di accoglienza deve essere sempre ben impresso nella testa di noi preti. E poi c’è il fenomeno migratorio molto avvertito anche da noi. Così a Lecce abbiamo tante realtà caritative. C’è una casa della carità, diverse mense per i poveri gestite dalla Caritas e alloggi per i senza tetto. Il fabbisogno è coperto. Con mille difficoltà ma ci si muove. Certo servirebbe una mano anche da altre realtà che non sono la Chiesa. Perché con umiltà bisogna dirlo, in questi anni solo la Chiesa ha fatto fronte all’emergenza dei migranti e dei meno abbienti con opere molto importanti e con umiltà e semplicità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori