Papa Francesco: domani canonizza i beati Stanislao di Gesù Maria e Maria Elisabetta Hesselblad

Papa Francesco presiede domani, alle 10.30, in piazza San Pietro la Santa Messa per la canonizzazione dei beati Stanislao di Gesù Maria, fondatore della Congregazione dei Chierici Mariani dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, e Maria Elisabetta Hesselblad, fondatrice dell’Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida. Stanislao di Gesù Maria, al secolo Giovanni Papczyński, nacque il 18 maggio 1631 a Podegrodzie, nel sud della Polonia. Negli anni della scuola conobbe i padri Scolopi e a 23 anni entrò nel loro ordine. A 30 divenne sacerdote. Nove anni più tardi però sentì l’ispirazione di fondare un nuovo Istituto di Chierici mariani sotto il titolo della Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria. Padre Stanislao morì il 17 settembre 1701 nel convento di Góra Kalwaria, lasciando molti scritti di spiritualità. Benedetto XVI lo proclamò beato nel 2007.
Maria Elisabetta Hesselblad, svedese, nacque il 4 giugno 1870 da famiglia luterana e fin da piccola sentì su di sé il peso della frattura tra le Chiese, cominciando a pregare per riuscire a trovare il “vero Ovile” di cui aveva letto nel Vangelo. A 18 anni emigrò negli Stati Uniti. A New York si dedicò come infermiera all’assistenza dei malati. In seguito approfondì la dottrina cattolica e ricevette il Battesimo. L’anno successivo, era il 1904, giunse a Roma e, visitando la casa dove Santa Brigida di Svezia aveva vissuto, comprese di doverne proseguire l’opera costituendo l’Ordine del Santissimo Salvatore di Santa Brigida. Il suo apostolato trovò ispirazione dalla preghiera di Gesù: “Ut omes unum sint” cioè “Che tutti siano uno”. Negli anni della seconda guerra mondiale, si adoperò per dare rifugio agli ebrei perseguitati e per assistere i più poveri. Morì a Roma il 24 aprile 1957. Fu proclamata beata da San Giovanni Paolo II nel 2000.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori