Clima: Isac Cnr, Monte Cimone un “faro” nelle aree hot spot del Mediterraneo e del Sud Europa

(DIRE-SIR) – Per interpretare la variabilità dei composti atmosferici, al Monte Cimone si eseguono anche misure di parametri meteorologici: dal 1996 al 2014 si osserva un aumento delle temperature medie annuali (0.08 gradi anno-1). Questa iniziativa vuole contribuire a rendere sempre più facilmente fruibili le informazioni ottenute dalle infrastrutture di ricerca pubbliche sia alla comunità scientifica ma anche ai decisori politici e ai cittadini, nel rispetto delle indicazioni relative agli “open data” dell’Unione Europea. Per la sua posizione geografica e la sua quota, Monte Cimone è un sito strategico per lo studio delle caratteristiche di fondo dell’atmosfera del bacino del Mediterraneo e dei processi, sia naturali che legati alle emissioni antropiche, che la influenzano. Grazie alla presenza dell’Osservatorio climatico ”Vittori”, Monte Cimone costituisce in pratica un “faro climatico-ambientale” nelle aree hot spot del Mediterraneo e del Sud Europa. L’Osservatorio Cnr-Isac ”O. Vittori”, unitamente all’Osservatorio meteorologico dell’Aeronautica militare-Camm Monte Cimone, fa parte del programma Global atmosphere watch dell’Organizzazione mondiale per la meteorologia, rappresentando l’unica Stazione globale presente sul territorio nazionale.

(www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori