Elezioni amministrative: Possenti (Il Popolo Cattolico), “andare a votare per un futuro migliore”

“L’attesa dei cittadini di Treviglio – 30mila abitanti, comune commissariato dal dicembre 2015 – è rivolta ad una amministrazione che affronti una serie di questioni”. Lo evidenzia Amanzio Possenti, direttore del settimanale “Il Popolo Cattolico” di Treviglio (in provincia di Bergamo), in vista delle prossime amministrative. Tra le questioni, ricordate dal direttore, “la sicurezza, la vivibilità in rapporto all’ambiente, il ruolo di Treviglio quale capoluogo riconosciuto della Bassa Bergamasca, la viabilità a cominciare dalla nuova superstrada Bergamo-Treviglio che dovrà innestarsi al casello Brebemi Milano-Treviglio-Brescia, lo sviluppo della cultura puntando sui tre Musei operanti in città, il rilancio del centro storico, la realizzazione di un (contestato) parcheggio sotterraneo a due piani sottostante piazza Setti in via di riqualificazione, la nascita di un’area polivalente per mostre e mercati, il ‘no’ alla richiesta di costruzione di una discarica di cemento-amianto proposta da una ditta privata e da attuarsi in una vecchia cava da bonificare (un ‘no’ ribadito già dalla precedente amministrazione e dai comuni vicini), la vendita (pure contestata) di un’area da destinare ad un brico, il potenziamento dell’artigianato di qualità e delle attività imprenditoriali, una presenza sempre più forte dei servizi alla persona e ai bisognosi”. A Treviglio sono cinque i candidati sindaco, tredici le liste in gara. “L’appello al voto è rivolto a quella fascia notevole di cittadini trevigliesi che nel passato non si sono presentati alle urne – afferma Possenti: è importante che vadano al voto se si vuole partecipare a un futuro concordato di miglioramento della città, anche puntando a una prospettiva di ruolo quale seconda città della provincia di Bergamo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia